Mini prestiti: che requisiti bisogna avere? A chi non li danno? (1000-3000 Euro)


I mini prestiti costituiscono nell’elargizione di piccole somme di denaro necessarie ad affrontare le spese quotidiane senza appesantire ulteriormente il budget familiare. Partire per un viaggio, effettuare dei lavoretti di ristrutturazione, rinnovare la macchina, sono solamente alcune delle motivazioni che spingono le persone a richiedere dei prestiti presso i propri istituti di credito di riferimento o le agenzie finanziarie. Disporre di liquidità, da spendere o da tenere da parte per eventuali emergenze future, costituisce un modo di agire molto oculato, che permette di adempiere a tutti gli impegni senza incorrere in sanzioni o multe per i ritardi.

Come ottenere un mini prestito

Per ottenere un mini prestito è necessario recarsi presso la filiale della propria banca di riferimento oppure presso un’agenzia finanziaria. I consulenti che si occupano di determinare le condizioni del prestito, effettuano una sorta di controllo preliminare, con lo scopo di verificare le condizioni economico – finanziarie di base, analizzando la solvibilità del soggetto, ossia la capacità di rifondere la somma mediante delle somme periodiche. In genere, i mini prestiti vengono elargiti a coloro i quali presentano determinate garanzie, innanzitutto la presenza di un posto di lavoro stabile, che consenta di adempiere al pagamento rateale, oppure altre garanzie reali, come ad esempio la casa o altri beni. In ultimo, è possibile coinvolgere una terza persona nel rapporto di prestito, che figura come garante, una sorta di fideiussore che si impegna a subentrare nell’obbligo qualora l’obbligato principale non riesca ad adempiere in prima persona.

Cosa si intende per mini prestito

Per mini prestito si intende una somma di denaro di piccola rilevanza, che viene accreditata sul conto corrente bancario del richiedente e che deve essere rifusa in un determinato periodo di tempo attraverso le rate periodiche, con l’aggiunta del tasso di interesse applicato. Trattandosi di una cifra affrontabile per ciascuna famiglia, il mini prestito rappresenta la soluzione ideale per quanti necessitino di una maggiore liquidità per le spese quotidiane, per un regalo o per qualunque attività necessaria alla stabilità della casa.

A chi viene negato il mini prestito

Il mini prestito viene negato per alcune categorie di persone. Innanzitutto viene negato a coloro i quali non raggiungono la maggiore età perchè non idonei ad assumersi tale responsabilità, così come viene negato a coloro che superano una data età perchè si presume l’impossibilità a rifondere il prestito. Altro criterio di attribuzione o meno del prestito consiste nella così detta solvibilità, ossia nella possibilità di restituire quanto dovuto. Chi non presenta determinate caratteristiche, quali ad esempio la mancanza di un reddito o di sostanze economiche, non riesce ad ottenere un prestito perchè non idoneo alla totale restituzione della somma.

Come procedere alla restituzione del prestito

Il prestito, una volta concesso, viene versato sul conto corrente del richiedente in modo da potere essere utilizzato a piacimento. Generalmente, la somma viene erogata in un’unica soluzione, in modo da consentire all’utente di disporne immediatamente. Il richiedente, sottoscrivendo il contratto di prestito, si impegna a rifondere le somme ottenute attraverso un pagamento periodico, a mezzo di bonifico bancario o di versamento con conto corrente. L’importo da restituire è composto dalla somma ottenuta più il tasso di interesse applicato. Tutte le operazioni vengono concordate preventivamente tra le parti, in modo che si possa procedere alla restituzione in maniera precisa ed ordinata.

La precisione nei pagamenti è fondamentale affinchè il cliente possa procedere a liberarsi del debito contratto, entro il periodo di tempo concordato con la contro parte, pattuito per concludere il rapporto giuridico. Nel momento in cui il cliente non riesce a pagare taluna rata mensile, può richiedere alla banca o all’agenzia di finanziamento di ottenere una dilazione o uno spostamento che consenta di ottenere maggiore tempo per accantonare la somma.

Comments are closed.